Tempus fugit (2018)

Da CiakRagazzi Wiki.
Jump to navigationJump to search

Tempus fugit è un cortometraggio fantasy del 2018 diretto da Fabio Albanese e prodotto da Collegio Vescovile Pio X.

Videoclip

Trama

Una partita a calcio tra due gruppi di ragazzi della stessa classe, un calcio di rigore che manda la palla fuori campo ed uno strano magico faranno vivere un'esperienza fantastica ad un gruppo di bambini di una classe quinta primaria.

Descrizione

Tempus Fugit è il prodotto di un lavoro svolto dagli alunni della classe quinta del percorso Attivamente della Scuola Primaria del Collegio Vescovile Pio X nel corso del I quadrimestre dell'a.s. 2017-18.

Nell'ambito delle arti multimediali e dell'informatica creativa i bambini, fin dalla classe terza, iniziano ad acquisire conoscenze e competenze nella realizzazione di brevi prodotti multimediali, quali animazioni e filmati che li vedono protagonisti nei vari ruoli previsti da queste attività.

Imparano a scrivere un soggetto, ricavarne una sceneggiatura, immaginarne le riprese e/o l'animazione dei personaggi virtuali, effettuarne il montaggio e, laddove necessario, il doppiaggio, crearne, in certi casi, la colonna sonora, utilizzando computer, videocamere e fotocamere digitali, nonché specifici applicativi software in ambiente Windows è OS X, preferibilmente free e/o open source.

Tempus Fugit nasce, quindi, come esercizio di scrittura di un soggetto fantasy e di avventura, che, attraverso attività di brainstorming e confronto tra i bambini, assume via via la forma di un racconto sempre più definito, in cui i bambini si immaginano trasportati, in un universo parallelo ambientato in un prossimo futuro, all'interno della loro stessa scuola, chiusa durante le vacanze estive, per aver rubato un prezioso anello di proprietà di una piccola elfa viaggiatrice nel tempo. In questa situazione imparano che l'unico modo per ritornare dai loro amici e nel loro mondo, è quello di collaborare assieme, malgrado le possibili antipatie reciproche, e riparare all'errore commesso.

Le riprese, il montaggio ed il doppiaggio dell'elfa - realizzata con semplici tecniche di grafica tridimensionale - ed, in generale, tutte le attività di post-produzione, hanno visto i bambini della classe quinta impegnati nei vari ruoli, coordinati dall'insegnante di informatica e tecnologia. Il cortometraggio è stato realizzato cercando di sfruttare al meglio gli strumenti a disposizione e le abilità acquisite dai bambini al fine di realizzare un prodotto che fosse, per quanto possibile, "farina del loro sacco".

Distribuzione

Videoclip visibile su YouTube